Hisoka-chan

il blog di Hisoka-chan

Il mio primo cosplay: Nico Robin

Dopo l’entusiasmo di Lucca 2009, il mio primo Lucca comics (non in cosplay), ero travolta dalla mania di provare a fare cosplay. In quel periodo davano One Piece su Italia1, vidi il vestito nero in pelle di Nico Robin che mi piace moltissimo.
Visto che ero entusiasta quanto spaesata di questo nuovo mondo ho deciso di fare il mio primo cosplay:  Nico Robin da One Piece. Così avrei potuto usare quel vestito anche in borghese, oltre al fatto che è una delle poche che non mi è antipatica, diciamo, normale.

Non avevo la minima idea di come realizzare il vestito, gli abiti che avevo visto su internet non mi ispiravano molto ed è iniziata la caccia alla sarta. A furia di ricevere porte in faccia, mia madre chiedendo in giro ha trovato una sarta professionista nel mio paese, si vede che quel vestito è cucito da una persona competente.

Nel frattempo cercavo la parrucca, ma avevo il terrore che mi arrivasse una di quelle cose schifose tutte lucide, che sinceramente mi fanno davvero schifo. Invece la parrucca non era male, ora l’avrei trovata migliore di sicuro, ma prima non sapevo che pesci pigliare. Mentre gli stivali ce li avevo già.

Arriva l’occasione, c’è un piccolo evento a Italia in Miniatura, nel 2010 era il più vicino… per quanto riguarda la parte visiva del cosplay era ancora incompleta: non avevo nemmeno le lenti, la parrucca fermata male, truccata orrendamente, insomma… diciamo che è stato un banco di prova per cercare di capire tutto ciò che c’era da migliorare.

Mi sono vergognata da morire… in una maniera assurda, se ci ripenso ancora mi vergogno, non conoscevo nessuno, per fortuna ho fatto amicizia con qualcuno, ma questa situazione è nata dal fatto che NON MI TROVAVO NEL PERSONAGGIO! 
NB: per quanto riguarda la manifestazione io mi sono divertita un bel po’, è stata molto carina.

Quando dovevo fare quella posa con le mani incrociate sarei voluta sparire.. un disagio così irrazionale non l’avevo mai provato! Sentivo su di me una sensazione stranissima… ma posso dire che questa esperienza personale sul mio cosplay mi è stata molto utile per migliorare il tutto e per le scelte future dei personaggi.

Foto di Massimiliano Malerba - Romics 2010

Infatti da questo mio disagio è nata l’idea delle manette, in modo che dovevo starmene ferma e buona con l’espressione triste…
Al mio primo Romics (2010) infatti ho fatto proprio così, manette, viso sporco e mi sono divertita un casino! Considero il Romics il giorno ufficiale in cui ho iniziato a fare cosplay, visto che avevo tutto quello che mancava l’altra volta, e l’ho anche migliorato.

Successivamente, per Lucca comics 2011, ho aggiunto anche un altro elemento essenziale: Spandam con tanto di spadone che mi teneva legata con la corda, e sanguinavo. Quindi nel make up ho aggiunto anche il sangue finto.

 

Nico Robin e Spandam Cosplay da one piece

Foto di Alessandro Guidi - Lucca comics 2011

Se non fosse stato per la spesa che c’era dietro avrei smesso di fare Robin, e sfruttato il vestito per andare in giro normalmente (però con altre scarpe), ma non posso buttare via i soldi così al giorno d’oggi!

Un consiglio prezioso che posso dare in seguito a questa mia esperienza è:

NON SCEGLIETE I PERSONAGGI SOLO PER IL VESTITO! VI PERDETE META’ DEL DIVERTIMENTO!! A meno che non riuscite ad interpretare il personaggio divertendovi nonostante non ci sia affinità, e in quel caso avete tutta la mia stima!

Clicca nel seguente link per vedere le altre foto del mio cosplay di Nico Robin.

Condividi!
Category: Cosplay